Canone RAI: Come fare l’esenzione

esenzione_canone_rai

La Legge di Stabilità ha introdotto una serie di novità relative al pagamento del canone RAI. A partire dal 2016, infatti, l’imposta è addebitata sulla bolletta dell’energia elettrica e non si può più richiedere il suggellamento del proprio apparecchio televisivo.

Tuttavia è ancora possibile ottenere l’esenzione: possono richiederla gli over 75 con reddito familiare inferiore a 6713,98 euro, i titolari di utenza elettrica che non possiedono apparecchi televisivi, i titolari di utenza elettrica di seconda abitazione il cui coniuge ha già corrisposto il pagamento del canone e categorie protette come diplomatici e militari stranieri.

Le scadenze per l’esenzione del CANONE RAI


Il termine per l’invio della richiesta di esenzione per l’intero anno è scaduto il 16 Maggio 2016. Fino al 30 Giugno 2016, però, sarà ancora possibile inviare la richiesta all’Agenzia dell’Entrata; tale richiesta consentirà di ottenere l’esenzione del pagamento relativa al secondo semestre di quest’anno. A partire dai prossimi anni, invece, vi saranno delle scadenze fisse per inviare le richieste: dal 1 Gennaio al 30 Giugno sarà possibile richiedere l’esenzione per il secondo semestre dell’anno in corso, dal 1 Luglio al 31 Dicembre quella per l’intero anno successivo.

Come richiedere l’esenzione del Canone Rai

Per ottenere l’esenzione è necessario inviare un modulo all’Agenzia delle Entrate; il sito ufficiale dell’ente offre la possibilità di scaricare moduli specifici, redatti su misura per le categorie che sono tutelate dalla normativa. A presentare il modulo deve essere il titolare dell’utenza per la fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale. La normativa prevede anche la possibilità che a presentare la domanda sia l’erede nel caso in cui l’utenza sia transitoriamente intestata ad un soggetto deceduto.

Come inviare la richiesta per l’esenzione del Canone Rai

Il modulo può essere inviato per via telematica attraverso il sito web dell’Agenzia delle Entrate. Gli utenti meno avvezzi all’utilizzo della rete possono inviarlo in formato cartaceo, per mezzo raccomandata; in questo caso il modulo deve essere accompagnato da una copia del documento d’identità e spedito all’indirizzo segnalato sul sito dell’Agenzia delle Entrate (Agenzia dell’Entrate, Ufficio di Torino 1 S.A.T. – Sportello Abbonamenti Tv – Casella Posta 22 – 10121 Torino). Infine è possibile utilizzare l’intermediazione di un Caf che, inoltrata la richiesta, provvederà a consegnare al dichiarante una ricevuta e sarà tenuto a conservare la dichiarazione sostitutiva originale dell’utente, una copia del suo documento d’identità e della delega di trasmissione.

A QUESTO LINK E’ POSSIBILE SCARICARE I MODULI PER L’ESENZIONE DEGLI OVER 75 CON REDDITO MASSIMO DI 6.713,98 €

Sanzioni pesanti per le false dichiarazioni

La normativa introdotta dalla Legge di Stabilità ha anche previsto sanzioni piuttosto pesanti nel caso in cui venga sottoscritta una dichiarazione falsa allo scopo di ottenere l’esenzione dal pagamento. In caso di dichiarazione mendace scatta il reato di “falsità materiale commessa dal privato”; un reato corrispondente all’art. 482 del Codice Penale che prevede pene detentive comprese fra gli 8 mesi ed i 4 anni, a seconda della gravità dell’infrazione commessa.


Richiedere l’esenzione dal pagamento del canone RAI 2016 è una procedura veloce e non eccessivamente complessa. Gli utenti che rientrano nelle categorie protette possono facilmente ottenere i moduli utili a presentare la domanda e scegliere la modalità d’invio più congeniale per trasmetterli all’Agenzia delle Entrate. Bisogna fare massima attenzione, però, alla compilazione di tali moduli per evitare di incappare in fastidiose sanzioni. Per eludere tale rischio è utile consultare le guide presenti sul sito ufficiale dell’Agenzia dell’Entrate, che presenta anche alcuni esempi di compilazione dei moduli, o rivolgersi ad un Caf locale che potrà assistere l’utente nella redazione della richiesta.

Post Author: Staff

Canonerai.com nasce per dare informazioni a tutti i cittadini italiani, sulle novità, norme, esenzioni sul CANONE della RAI (Radiotelevisione Italiana S.p.A.) che il governo italiano ha reso illegittimamente OBBLIGATORIO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *